A Luisa

Di senso e di carne
è l’amore del sangue,
che è sangue del sangue
indefesso e sicuro.
Non ha cedimenti.
Non ha pentimenti.
Non cresce, non muore.
Inflessibile e ferreo
non chiede riscontri,
non lotta e non cede.
È il sangue che crede.
È un atto di fede.
Di sabbia e di vento
è l’amore del cuore,
che è cuore del cuore
che pensa e che sente.
Che corre, combatte,
che chiede, rincorre.
Si ferma, riparte.
Si chiede, risponde.
Si pente, si pente…
Ma poi si riprende.
L’amore del cuore,
che è cuore del cuore,
si apre all’eterno,
riscrive parole,
rifonda l’inferno,
affonda il banale,
e crea l’immortale.

Loredana Conti