Sono uscita a cercare la primavera

Le stagioni influenzano l’animo. Sempre che si abbia abbastanza tempo per poterlo percepire. Io ho tempo, o almeno è quello che mi piace pensare. Il tempo ha me, sia chiaro. Ma voglio dargli la soddisfazione di avermi lentamente, senza quella caotica rincorsa che tanto bene caratterizza l’inizio di millennio. Rincorsa che porta inesorabilmente e molto velocemente a quella meta che quasi nessuno vorrebbe raggiungere. Non è ironico?

Voglio vivere un bel tempo. Percepire le stagioni. Annusare l’aria, guardare il colore del cielo ogni volta diverso, ogni volta nuovo. Ascoltare i rumori, il silenzio, ancora i rumori, i cinguettii, come sono romantica, chi ha tempo di guardare le foglie verdeggianti e gli uccelli che costruiscono nidi?

Vivere la primavera rende vivi.E io sono uscita a cercarla. Ho smesso il guscio di insofferenza, ho aperto gli occhi solo per vedere i colori e sono uscita a cercarla. C’è profumo di erba, nuvole guerriere oltre a un cielo indaco, fermento di “si faccia posto al nuovo!” e poi spazi, infiniti spazi da riempire di primavere.

Sono uscita a cercare la primavera. E lei era dentro di me.

Annabelle Lee

Pubblicato da

Blogentheos

Leggere è cool.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...